E˃GEO parte dalla necessità di restituire, ad uno spazio marginale ed eterogeneo, un carattere pubblico attivo all’interno del progetto di sviluppo della rete ciclo-pedonale della città di Francavilla al Mare (CH) attualmente in fase di ultimazione. Posto ai confini con Pescara, al termine/inizio della pista, l’area è stata per anni utilizzata dai privati in modo improprio, limitandone le potenzialità sociali e culturali che la posizione e le caratteristiche le offrono. Si tratta di una spiaggia quadrata che costeggia la nuova infrastruttura, la strada e una casa di riposo (poco più a nord c’è un asilo nido), ma che potrebbe essere immaginata come una superficie aperta, open source, in cui il materiale di progetto, fatto di elementi riciclati, leggeri e facilmente sostituibili/modulari, trasforma lo spazio a seconda delle esigenze e modificandosi nel tempo. L’intento è quello di costruire una identità riconoscibile, un brand spendibile sul piano turistico che abbia una ricaduta sociale anche all’interno del territorio senza costringerlo ad una trasformazione radicale e definitiva. E lo fa attraverso la predisposizione di strutture mobili, dispositivi in grado di informare il ciclo-turista, supportarlo offrendo servizi come bike sharing innovativo (localizzatore GPS e uso di App), slow tour, officina/distribuzione automatica per manutenzione, accoglienza con punto informazioni, bike bar e bagni/spogliatoi, formando figure in grado di sensibilizzare il turista e il cittadino ad più sostenibile fruizione del luogo. Predisporre uno spazio pubblico significa permettere allo stesso di assumere diverse configurazioni che spesso vedono la partecipazione attiva di chi ne usufruisce. La piazza/arenile diventa necessariamente inclusiva generando processi di riappropriazione e condivisione dello spazio pubblico con l’azione dell’attraversamento lento, della sosta, della convivialità e condivisione di mezzi e informazioni. Grazie all’interesse dell’Amministrazione su questi temi, e alla partecipazione volontaria delle associazioni e delle imprese locali BIKELIFE live your passion e Liberi in Bike, E˃GEO sta prendendo forma e si prepara a diventare monito per interventi simili nel futuro. La pista ciclo-pedonale di Francavilla al Mare è infatti il tratto centrale e strategico di un sistema infrastrutturale più ampio che va da Martinsicuro a San Salvo e interessa anche la Costa dei Trabocchi (131 km). Ci auspichiamo diventi progetto pilota per il resto del tratto interessato.

L’intento è quello di promuovere la fruizione eco-turistica del territorio abruzzese, attraverso il ricorso alla mobilità lenta e inclusiva, approfittando della sensibilità riscontrata negli ultimi anni dalla Regione (attraverso l’intercettazione di fondi europei) e dal Comune su questi temi. Il progetto si inserisce nel programma Bici Italia per il tratto interessato B6 Bici Italia 6/Ciclovia Adriatica. Le caratteristiche geografiche della costa lineare permettono l’estensione del/dal progetto anche all’interno del territorio, estremamente eterogeneo e poco supportato da un’offerta turistica sostenibile e alternativa. La gestione di percorsi integrati volti alla valorizzazione del paesaggio, delle culture e delle produzioni locali, infatti, differenziano l’offerta e avvicinano il turista ad una più sostenibile fruizione del territorio. La formazione di nuove figure professionali in grado di coprire tale offerta è già interesse di molte aziende del settore bike touring, tra cui  BIKELIFE live your passion  partner del nostro progetto.

Lo spazio che ospiterà il progetto appartiene al Comune di Francavilla al Mare. Si presenta come una spiaggia quadrata tra due edifici privati, ma risulta essere piazza pubblica sulla carta, mai realizzata ma indicata, anche attraverso un cartello stradale, come Piazza Egeo. È attualmente utilizzata dai balneatori, e dunque privati, come area di gioco senza un programma di attività stabilito e organizzato. Necessita di interventi strutturali a causa dell’incuria e la mancanza di identità e riconoscimento urbano: sono pochi, infatti, a sapere della reale valenza dello spazio. Lo spazio non è pavimentato e diventa parte dell’arenile, circoscritto da passerelle e paletti in legno, attraversato da reti e arredi per giochi da spiaggia e occupato da aiuole infestanti. Una delle prime attività sarà quella di ripulire l’area interessata e attivarsi per la realizzazione di una piazza temporanea, fatta di materiali removibili, riciclati e modulari, per ovviare ad una richiesta dell’Amministrazione che non vuole cementificare lo spazio pur reimpostandone caratteristiche e usi ben definiti. A questo verrà aggiunto un sistema bike sharing GPS di ultima generazione e box/dispositivi per servizi di supporto allo slow bike.

 

PARTNER PROMOTORE

C.A.P. Comitato Abruzzese del Paesaggio

 

PARTNER

Comune di Francavilla al Mare

BIKELIFE

BOOMERANG

 

Bando Culturability – rigenerare spazi da condividere